Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
70° Dichiarazione Universale dei Diritti Umani
Umberto Lorenzoni
Commemorazione dei caduti nella guerra "15/18"
Intervista a Mario Isnenghi
Manifestazione Trieste 3/11/2018
L'eccidio di Torlano
Gian Paolo De Bortoli
Emergenza democratica
XXV Aprile 2018
Festa della Liberazione
In memoria del partigiano Fausto
Giornata della memoria
Memoria del passato-Coscienza nel presente
----Anni precedenti ---
2017
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Proposta per un itinerario della memoria tra Veneto Friuli V.G
L’ANPI di Portogruaro nell’ambito della sua programmazione annuale del 2013 si è proposta di rafforzare nei suoi iscritti, e in particolare nei giovani, la memoria della resistenza locale, attraverso la conoscenza degli eventi che l’hanno caratterizzata, anche con un contatto diretto con i luoghi interessati.
Si tratta di ridare slancio alle iniziative, di inventare nuove strategie, di unire soprattutto le risorse democratiche esistenti in una attività conoscitiva condivisa .
Il tema del rafforzamento della memoria partigiana e dei rapporti istituzionali nella nostra provincia di Venezia si è posto con forza già nel 2009 con la pubblicazione del libro “I luoghi della libertà. Itinerari della guerra e della Resistenza in provincia di Venezia” voluto dalla Provincia, dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Venezia, da numerose Anpi locali.
L’opera di cui sopra indica percorsi, illustra luoghi ed itinerari in cui operò con più violenza il nazifascismo, offerti con contributi informativi corretti a scolaresche, a docenti, a militanti e cittadini, facilitando in tal modo la visita a rifugi partigiani, a vecchi campi di concentramento disseminati nel territorio, a luoghi particolarmente significativi, a fiumi d’acqua di pianura e di montagna che un tempo si portavano via i cadaveri dei giovani fucilati.
Nel nostro territorio e nel Triveneto abbondano luoghi del genere che le giovani generazioni guardano ora con inconsapevole indifferenza.

Proposta
In conseguenza di quanto sopra dichiarato , l’Anpi di Portogruaro intende partecipare quest’anno al prossimo appuntamento di commemorazione in Friuli dell’eccidio di Torlano , che si celebra annualmente il 25 agosto nella frazione omonima, dando maggiore pregnanza democratica e partecipativa all’evento.
A tal fine invita le Anpi del Triveneto a partecipare in massa il 25 agosto prossimo all’annuale cerimonia. Si tratta di onorare la memoria di uno dei più crudeli eccidi operati dai nazifascisti.
Potrebbe essere questa un’occasione per porre le basi di un’attività comune su più ampia scala, in grado di coinvolgere le forze democratiche del Triveneto, senza inficiare ciò che da anni viene fatto con grande partecipazione di militanti e popolo nella frazione dove perirono 34 vittime sotto la cieca ferocia nazifascista.
Si tratterebbe di progettare sommariamente, in un tempo da precisare in questa occasione, in un luogo, che potrebbe essere il Comune di Nimis, un serio programma di attività di conoscenza continuativa del territorio del Triveneto nei luoghi particolarmente segnati dalle vicende resistenziali per aumentare la consapevolezza storica e democratica delle nuove generazioni.
Un traguardo laico e democratico, questo, già ipotizzato da uno dei primi sindaci di Nimis, Pietro Fabretti, che già nell’agosto del 1958 ipotizzava di superare il carattere meramente religioso del tragico evento di Torlano "quasi non interessasse- scrive in una lettera inviata alle autorità del tempo- tutta la popolazione del comune e come se il secondo Risorgimento non avesse con quanto avvenne a Torlano alcun rapporto. “
Il materiale di conoscenza, capace di rivisitare laicamente i luoghi della memoria del Triveneto non manca, come non mancano nei nostri territori forze democratiche in grado di attivarsi in modo non episodico intorno al progetto.
Circa i luoghi da recuperare laicamente alla memoria storica della resistenza, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Tra questi:
  • La libera repubblica di Carnia dove si sperimentarono le prime forme di governo democratico del territorio, in piena dominazione nazifascista
  • La zona libera del Friuli orientale dove i comuni di Faedis di Attimis, di Nimis e di altri paesi sperimentarono il fuoco e la violenza , le stragi e le deportazioni
  • Altri luoghi significativi andrebbero individuati dove ugualmente operò la ferocia nazifascista nel Triveneto.

Tra i nodi cruciali su cui riflettere attraverso pubblici dibattiti e confronti storici abbondano quelli che attendono ancora ulteriori momenti di riflessione critica cui avvicinare in particolare le nuove generazioni. Tra questi:
  • La questione del Confine orientale che, se pur affrontato a fondo dagli Istituti storici delle varie località, conserva ancora laceranti e contrapposte interpretazioni, in grado di mantenere radicati odiì e pregiudizi.
  • La questione del Litorale adriatico, ceduto dalla Repubblica di Salò ai Cosacchi, ingaggiati per la lotta antipartigiana da Hitler
Gli strumenti di conoscenza in grado di alimentare la memoria storica abbondano nei vari territori e nei vari Istituti storici. Tra questi:
  • I risultati della Commissione storica italo- iugoslava
  • Le numerose opere storiche che illustrano le più gravi e dolorose piaghe inflitte alle popolazioni inermi nel Triveneto
  • Le opere che rendono finalmente note le stragi rimaste impunite e nascoste nell’armadio della vergogna.
Gli itinerari proposti alla conoscenza potrebbero nel caso essere accompagnati da mostre illustranti ciò che di meglio in questi anni hanno prodotto le singole realtà territoriali.
Si tratta per ora di una timida proposta di cui si intuisce la difficoltà di realizzazione, implicando una grande lavoro di coesione, ma che, sia pure in termini minimali, potrebbe aprire nuove strade di maturazione democratica, specie per le giovani generazioni.
Affidiamo tale proposta ai nostri rappresentanti politici ed istituzionali che condividono il progetto e che sono in grado di darle gambe .
Noi siamo disponibili a collaborare nei limiti delle nostre disponibilità.

Il Presidente Prof.Rosa Imelde Pellegrini Portogruaro   (Riunione del Direttivo 7 febbraio 2014)
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.