Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
La nuova barbarie
Comunicazione ANPI Nazionale
L'eccidio di Torlano
Tempo infelice
Giornata antifascista
Pasqua 2017
Assemblea annuale 2/6/2017
27 gennaio 2017 Giorno della memoria
Cuore partigiano
Ricordo di Norma
----Anni precedenti ---
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
“Il confine orientale e la guerra della memoria”


                Chi ha tracciato i confini tra i popoli ha scavato storicamente fiumi di sangue e di odio che hanno spesso travolto i popoli e in particolare la povera gente, fatta strumento inconsapevole di “occhiute rapine” pagate da guerre e da violenze.
Ne sono nati risentimenti senza fine, spesso trasmessi dai padri ai figli, letture a senso unico degli eventi, in grado di innestare ulteriori conflitti. Quanto basta per sentirsi “cittadini del mondo”, senza scomodare Carlo Marx.
Il confine orientale che separa il Friuli dai territori dell’ex Jugoslavia in riferimento agli eventi connessi con la seconda guerra mondiale ha lasciato un residuo tragico di memorie divise inconciliabili e antagoniste che ancora si fanno sentire nel presente: i gravissimi crimini commessi da parte italiana e da parte iugoslava, durante l’immane conflitto, infatti, le efferate rappresaglie , le fucilazioni, le stragi, sono ancora oggetto di diversa interpretazione , di minimizzazione a senso unico da una parte e dall’altra.
In tal modo di questa situazione è vittima la realtà storica e sulle caterve di morti anche per questo oggi si è depositata la vergogna della rimozione e dell’indifferenza, un peccato diffuso del nostro tempo.
Lungo il confine orientale la repressione nazifascista si macchia dell’efferato eccidio di Torlano e di una violenza diffusa ed atroce.
In questo clima di tensione locale e internazionale matura anche la tragedia di Porzus che si conclude con l’eccidio di un gruppo di partigiani osovani da parte di partigiani garibaldini, una macchia tragica e dolorosa, questa, fortemente condizionata dalla sua collocazione geografica a ridosso della Iugoslavia titina , lungo la linea di confine orientale , particolarmente nevralgica nel corso della guerra perché destinata a separare alla fine del conflitto i Paesi occidentali ad economia capitalista dai paesi socialisti dell’est, nel disegno dei futuri assetti mondiali.
Anche su Porzus, il primo tragico nodo della guerra fredda, in seguito sarà agevole pescare in modo torbido , piegando la storia a fini di parte. Porzus, poi, non è il solo tragico evento su cui si materializza la guerra della memoria a partire dal secondo dopoguerra: tragici sono gli eccidi cancellati per anni nelle foibe, gli esodi forzati, la sofferenza indicibile dei superstiti.
Nonostante i tanti studi in proposito operati da parte slava e dai vari Istituti storici del nord- est sono ancora moltissimi a chiudere gli occhi di fronte alla complessità degli eventi, con il risultato di prestare il fianco a grossolane semplificazioni e manipolazioni.
Purtroppo, invece, sullo sfondo di questo palcoscenico tragico della storia piangono le vittime dei vari schieramenti: i deportati nei campi di sterminio e di internamento, gli impiccati, i paesi dati alle fiamme, le vittime di Porzus, ma anche di Lubiana , gli internati slavi e croati di Gonars, le donne, i vecchi , i bambini, gli zingari e gli ebrei deportati ed uccisi, la cui umana vicenda è ancora ottenebrata dal confine geografico ed ideologico e dai sommari revisionismi

Imelde Rosa Pellegrini
Vedi comunicazione ANPI Venezia 18-2-13
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.