Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
70° Dichiarazione Universale dei Diritti Umani
Umberto Lorenzoni
Commemorazione dei caduti nella guerra "15/18"
Intervista a Mario Isnenghi
Manifestazione Trieste 3/11/2018
L'eccidio di Torlano
Gian Paolo De Bortoli
Emergenza democratica
XXV Aprile 2018
Festa della Liberazione
In memoria del partigiano Fausto
Giornata della memoria
Memoria del passato-Coscienza nel presente
----Anni precedenti ---
2017
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
La posizione ufficiale dell'ANPI riguardo la votazione di condanna del nazismo in commissione all'ONU

La Presidente dell’’Anpi di Portogruaro rende noto la sua piena condivisione della posizione ufficiale dell’ANPI nazionale in merito alla condanna del nazismo in sede ONU. Nessuna reticenza, nessun distinguo in merito che possa offuscare l’orrore storico del nazifascismo e sue recrudescenze ancora presenti nel nostro tempo.
Imelde Rosa Pellegrini


   Si è appreso, nei giorni scorsi, che in una Commissione dell’ONU è stato posto in votazione un documento di condanna del nazismo. Gli Stati si sono divisi; il documento è stato approvato, ma con significativi voti contrari e/o di astensione.
Ci ha colpito, in particolare, vedere i Paesi europei, a partire dall’Italia, schierati sulla linea dell’astensione, così come il vedere, tra i voti contrari, anche quello degli Stati Uniti.
   Le spiegazioni sono assolutamente insufficienti. Sulla condanna del nazismo, soprattutto in una fase in cui ci sono tanti rigurgiti di neo-nazismo, non ci possono essere dubbi, esitazioni o contrarietà, perché si è trattato di quello che alcuni hanno definito come “ il male assoluto” e tutti dovrebbero essere impegnati a non dimenticarlo.
In particolare, ci sembra grave che non si sia pronunciata a favore l’Europa (e, per quanto ci riguarda più da vicino, l’Italia), che ha vissuto praticamente in tutti gli Stati, l’orrore, la brutalità, la violazione dei diritti umani, da parte del nazismo.
   Non ci possono essere ragioni di opportunità, e tanto meno ragioni collegate alle presunte finalità di chi ha promosso l’iniziativa, che possano valere, in questo caso. Quand’anche si dubitasse delle ragioni che hanno indotto a formulare quella proposta e quand’anche si ritenesse che anche lo Stato proponente meriterebbe un giudizio severo, per quanto riguarda i diritti umani, questo non toglierebbe che si trattava di esprimere una condanna severa del fenomeno nazista.
   Contro il nazismo e il fascismo, dopo le terribili esperienze vissute in Italia e in Europa, non si può fare a meno di schierarsi sempre in qualunque occasione; altrimenti perfino questa doverosa condanna rischierebbe di finire in un limbo di ambiguità, francamente non ammissibile e non accettabile quando si tratta di fenomeni devastanti come il nazismo.
Carlo Smuraglia
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.