Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
70° Dichiarazione Universale dei Diritti Umani
Umberto Lorenzoni
Commemorazione dei caduti nella guerra "15/18"
Intervista a Mario Isnenghi
Manifestazione Trieste 3/11/2018
L'eccidio di Torlano
Gian Paolo De Bortoli
Emergenza democratica
XXV Aprile 2018
Festa della Liberazione
In memoria del partigiano Fausto
Giornata della memoria
Memoria del passato-Coscienza nel presente
----Anni precedenti ---
2017
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
L’ANPI condivide

Volti di bambini dai mille colori, rosso il loro sangue, come quello di tutti coloro che hanno riempito il 2 giugno a Portogruaro il teatro Russolo per concedere ai minori nati in Italia, figli di cittadini di Paesi terzi la cittadinanza simbolica, in attesa che anche l’Italia approdi ad un grande traguardo di civiltà: alla dignità di essere cittadini del bel paese sulla base dello ius soli ( diritto del suolo), non sulla base della legge medioevale ancorata ancora allo ius sanguinis ( al diritto del sangue dei padri)
L’ANPI di Portogruaro condivide questa scelta di maturità civile promossa dal Comune di Portogruaro, da tempo generosamente impegnato in questa frontiera dei diritti .
Tale scelta, infatti., se ancora non concede un reale diritto, lo auspica con forza per centinaia di bambini di ogni colore che già percorrono le nostre strade, frequentano le nostre scuole, parlano la nosra lingua, giocano con i nostri figli, fratelli e nipoti.
Ancora nel lontano 2009 la cittadinanza di Portogruaro, interpellata da una pubblica cosultazione, espresse mille firme in favore di tale traguardo, accoppiandolo ad altri elementari diritti da richiedere in favore dei nuovi ospiti che da varie località del mondo giungevano fino a noi.
Si trattava delle numerose presenze che già a quel tempo bussavano alle nostre porte così come avevano iniziato a fare di fronte ad altre porte, a partire dalla fine dell’Ottocento gli emigranti del Portogruarese diretti nelle terre dell’America meridionale e dell’Europa centrale: gli uni per sostituire le maestranze negre liberate dalla schiavitù nelle fazendas brasiliane , gli altri a sostituire le masse operaie della prima rivoluzione industriale in Europa durante gli scioperi per ottenere migliori salari
Ci onora riprodurre qui appresso le risposte giunte in questi giorni al Comune di Portogruaro per la cittadinanza simbolica:
La Presidente della Camera Laura Boldrini il 2 giugno 2013 scrive:
Il ministro dell’integrazione Cécile Kyenge così risponde alla lodevole iniziativa del Comune:
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.