Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
70° Dichiarazione Universale dei Diritti Umani
Umberto Lorenzoni
Commemorazione dei caduti nella guerra "15/18"
Intervista a Mario Isnenghi
Manifestazione Trieste 3/11/2018
L'eccidio di Torlano
Gian Paolo De Bortoli
Emergenza democratica
XXV Aprile 2018
Festa della Liberazione
In memoria del partigiano Fausto
Giornata della memoria
Memoria del passato-Coscienza nel presente
----Anni precedenti ---
2017
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Infami invettive contro i partigiani a Torlano nel settantesimo dell’eccidio della strage.
   L’A.N.P.I. di Portogruaro risponde con la seguente riflessione all’ennesima prova di inciviltà e di ignoranza che ancora una volta ha tentato di sporcare le memoria della Resistenza che, come è noto ai più, si oppose al nazifascismo, responsabile di cinquanta milioni di morti solo in Europa, dei campi di internamento e di sterminio disseminati ovunque.
 Tra le vittime ci sono i 33 morti di Torlano i cui morti , uccisi ed arsi vivi nella piccola frazione di Nimis il 25 agosto del 1944 sono stati ricordati nel settantesimo della loro tragica fine.
Chi ha tentato di sporcare tutto questo, ha colpito di notte tempo, nascondendo la propria identità, come si usa da questo tipo di persone, usando parole scritte in un foglio anonimo affisso alle porte del cimitero dove si sarebbero raccolte, come tutti gli anni, decine e decine di persone, i sindaci, le autorità civili, i partigiani.Queste le testuali parole
     ”Vietato entrare ai cani partigiani per ricordare il 25 agosto”
Una vicenda particolarmente dolorosa questa delle povere vittime di Torlano: l’autore dell’eccidio Fritz, soprannominato “ il boia di Colonia “, già noto per altre orribili stragi, infatti, non verrà mai processato e non subirà pena alcuna perché Il suo nome , insieme a quello di numerosi altri carnefici, rimase sepolto nel famoso “armadio della vergogna” fino al 1966 “ le ante rivolte verso il muro per sfuggire alla conoscenza dei posteri, nel fascicolo intitolato alla strage di Torlano.
 Il Sostituto procuratore militare dott. Sergio Dini, sollecitato anche dall’ANPI di Portogruaro , ha attivato una ricerca internazionale con il risultato di scoprire il boia deceduto da una sola settimana, morto incensurato nel suo letto.
 Il processo contro i fascisti italiani, coinvolti nella strage di Torlano, inizia invece da subito con quello di Udine nel luglio del 1946 e coinvolge anche i responsabili delle stragi di Faedis, Attimis e Nimis in cui ha operato anche il sopraddetto boia.
 Lo stesso processo si ripete in altre sedi, ma finisce con l’assoluzione per tutti i responsabili dell’eccidio di Torlano , nonostante le testimonianze degli stessi sopravvissuti.
Così nessuno pagherà per le vittime e per l’eccidio, come se non fosse mai avvenuto. Un altro rilievo doloroso va reso noto: si poté dare al ricordo delle vittime una rilevanza anche politica e civile non soltanto cristiana e religiosa, solo a partire dal 1958, grazie a una forte istanza del sindaco del tempo, Pietro Fabretti, di cui ci rimangono le seguenti parole:
Mi risulta- scrive--che anche quest’anno la commemorazione delle vittime della barbara rappresaglia di Torlano rimane di fatto affidata alla parrocchia, quasi non interessasse tutta la popolazione del nostro comune come se il nostro secondo Risorgimento non avesse con quanto avvenne a Torlano alcun rapporto…
Erano quelli gli anni di una montante e diffusa criminalizzazione della Resistenza soprattutto nelle zone a ridosso del confine orientale, operante per decenni.
 Le risposte politiche e sociali che sono state date l’altro ieri a Torlano dopo settanta anni dall’eccidio da tutte le istituzioni del nostro tempo e in particolare dai sindaci di Nimis e Portogruaro dimostrano, invece, che molta strada è stata fatta da quei lontani tempi, ma le brutali parole scritte ieri alle porte del cimitero dicono anche che c’è ancora molto cammino da percorrere.

ANPI Portogruaro
Portogruaro, 26agosto 2014
Il discorso del Sindaco di Portogruaro
Antonio Bertoncello
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.