Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
Commemorazione dei caduti nella guerra "15/18"
Intervista a Mario Isnenghi
Manifestazione Trieste 3/11/2018
L'eccidio di Torlano
Gian Paolo De Bortoli
Emergenza democratica
XXV Aprile 2018
Festa della Liberazione
In memoria del partigiano Fausto
Giornata della memoria
Memoria del passato-Coscienza nel presente
----Anni precedenti ---
2017
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Siamo di fronte a una nuova sfida
     Sono passati poco più di 70 anni da quando, il 25 agosto 1944, la piccola comunità di Torlano, nell’alto Friuli, subì una feroce rappresaglia per opera di membri delle Waffen-SS, opportunamente guidati da collaborazionisti italiani.
Nella carneficina trovarono una morte atroce ben 33 civili di ogni età. Tra le vittime si contano otto membri della famiglia Portogruarese dei De Bortoli: Antonio, Bruna, Luciano, Maria, Oneglio, Silvano, Wilma, Virginio.
Erano i migranti di altri tempi.
Si erano trasferiti nell’alto Friuli a seguito del padre in cerca di lavoro e, con il lavoro, di una migliore condizione di vita. Sottolineare le ragioni per le quali da Portogruaro si erano trasferiti a Torlano ci serva come chiave di lettura di quanto accade oggi nell’affrontare il tema dei migranti.
Dicevamo che sono passati poco più di 70 anni dall’eccidio, eppure, se ci guardiamo intorno, in Italia e in Europa, sembra siano trascorsi secoli. Non passa giorno che non assistiamo a manifestazioni dell’indifferenza e, peggio ancora, del disprezzo che si riversa su poveri esseri umani che muovono verso i nostri Paesi in cerca di un’occupazione dignitosa, del godimento della libertà e, con essa, del rispetto e della considerazione che sono loro dovuti anche per il solo fatto di far parte dell’umanità.
Non passa giorno che non avvertiamo crescere intorno a noi l’incertezza del futuro e la rassegnazione che ci deriva da un sentimento di impotenza. Ebbene, a quanti parteciperanno alla commemorazione, a quanti, in questo anniversario, si ricorderanno di loro, la povera gente uccisa inutilmente a Torlano deve rammentare che, come associati dell’ANPI, non siamo donne e uomini che si rassegnano.
È fuor di dubbio che ci sentiamo storditi dal vociare continuo e insistente di chi sbeffeggia la democrazia, di chi vuole richiudere la Resistenza nei polverosi archivi della storia. Nell’ansia dissennata di buttare tutto all’aria, ci si dimentica che il movimento della Resistenza ha offerto all’Italia e all’Europa intera, più di settant’anni di pace e di relativa prosperità.
Dimenticare che il nostro paese è uscito dal disastro della guerra e dell’oppressione per merito della Resistenza, non è soltanto un esercizio di stupidità. È cosa ben più grave. Significa accettare di essere rinchiusi dentro la prigione del presente dalla quale non si vede nulla al di là dei suoi ristretti confini e dove il prepotente di turno ci conduce a girare intorno come pecore cieche.
Noi ciechi, ma il prepotente ben determinato a consolidare il suo prestigio personale e il suo arrogante e inconcludente potere. La rassegnazione, l’occultamento della memoria, il malcelato disprezzo per le sofferenze, per l’impegno e i valori del passato resistenziale, tutto contribuisce a fare di noi dei bruti manipolabili.
Tenere costantemente il telefonino tra le mani rende più facile l’operazione di annebbiamento delle coscienze. Chi lottò nel movimento popolare della Resistenza aveva più ragioni di noi per rassegnarsi e subire, aveva meno mezzi di noi per controbattere. Eppure donne e uomini di tutte le provenienze sociali, di tutti gli orientamenti politici democratici, scesero a lottare.
È per sconfiggere la rassegnazione che oggi si commemorano le 33 vittime di Torlano. Da questa giornata di testimonianza contro ogni violenza, contro ogni sopruso è opportuno far derivare qualche considerazione capace di orientare le nostre azioni di militanti dell’ANPI per i prossimi giorni, per i prossimi mesi, per i prossimi anni.
In primo luogo, dunque, consideriamo che quest’oscuro presente che ci è imposto con tutti i mezzi della più furba propaganda non è un destino, ma semplicemente una nuova sfida.
In secondo luogo sentiamoci confermati nel culto della memoria e, allo stesso tempo, nell’impegno per la costruzione di un futuro diverso di lotta e di speranza.
Chiudiamo queste note con un ringraziamento a quanti, tra i nostri iscritti, oggi saranno a Torlano per la commemorazione. L’ANPI vive con il contributo di tutti e ognuno di noi, pur nei suoi limiti, è conscio di offrire all’associazione la sua testimonianza nella diversità delle possibilità e degli orientamenti personali e politici. La commemorazione delle vittime di Torlano ci sia di stimolo ad accettare la sfida che quest’oscuro presente ci pone di fronte.
Il presidente Grazia Liverani
 
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.