Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
Gian Paolo De Bortoli
Emergenza democratica
XXV Aprile 2018
Festa della Liberazione
In memoria del partigiano Fausto
Giornata della memoria
Memoria del passato-Coscienza nel presente
----Anni precedenti ---
2017
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Siamo di fronte a una reale emergenza democratica
          
     A partire dal tardo pomeriggio di domenica 27 maggio, ultimo scorso, abbiamo assistito a un confronto tra comportamenti e linguaggi che difficilmente sembrano poter dialogare.
Da una parte vediamo un Presidente della Repubblica, il supremo garante degli equilibri tra le forze che operano nel paese, che si serve dei linguaggi istituzionali della politica, con garbo e correttezza. Dall’altro gli si risponde con l’uso sistematico della piazza e dei social network. Twitter, Facebook e quant’altro mostrano tutta la loro potenza nel raggiungere ciascun cittadino per ogni dove e in qualsiasi momento. Questa è semplicemente la superficie.
Dietro di essa non vi è nessuna democraticità, non è previsto e non è prevedibile, almeno per ora, la pratica democratica del contraddittorio. Tutti ormai si sono fatti convinti che si tratti semplicemente di linguaggi nuovi. In realtà sono solo gli strumenti di diffusione che sono nuovi e molto invasivi. Non è però, difficile vedere, nei messaggi diffusi capillarmente, l’eredità di quella propaganda che, nel secolo scorso, è stata sperimentata ampiamente per agitare le masse.
La sostanza dell’emergenza democratica di oggi, la sostanza del reale pericolo per le istituzioni repubblicane consiste nel fatto che, molti di quanti hanno responsabilità politica non intendono affatto orientare l’opinione pubblica, ma operano per trascinarla al consenso. Per poterlo fare offrono semplicemente alla gente occasioni per sfogare il proprio risentimento e la propria insoddisfazione. Di fronte a questa reale emergenza democratica non basta la pur doverosa indignazione per il comportamento irrispettoso e offensivo nei confronti del Presidente della Repubblica, dimentichi che, al di là della persona, rappresenta, nella maniera più alta, la convivenza democratica.
Non basta confutare dichiarazioni irresponsabili con argomenti ragionevoli e neppure con il buon senso comune. È bene rendersi conto che si è andati molto oltre alla ragionevolezza. Pertanto ciascuno di noi deve sentirsi impegnato, in ogni momento e con tutte le forze intellettuali che è in grado di dispiegare, a esercitare la vigilanza democratica, a denunciare intenzioni, a opporsi a fatti che, sotto la violenza verbale, rischiano di nascondere progetti eversivi.
Questo è il senso delle parole che, a nome della sezione, il Presidente della sezione ANPI di Portogruaro affida al nostro sito. Dobbiamo ribadire, con molta chiarezza, convinti come siamo, che, rispetto allo scandalo dell’offesa gratuita e della promessa mirabolante, la voce dell’intelligenza sembra debole, ma non lo è affatto. Dobbiamo mantenere alta la fiducia nella capacità dell’intelligenza di imporsi a fronte di tutte le difficoltà, anche di quelle che sembrano, al momento, insuperabili.
Stringiamoci, dunque, intorno al Presidente della Repubblica e alla nostra Costituzione Repubblicana. Non perdiamo nessuna occasione per manifestare il nostro dissenso, per rendere visibile la nostra presenza attiva, per riaffermare la nostra testimonianza di democratici e di antifascisti.

29 05 2018
Il Presidente
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.