Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
La nuova barbarie
Comunicazione ANPI Nazionale
L'eccidio di Torlano
Tempo infelice
Giornata antifascista
Pasqua 2017
Assemblea annuale 2/6/2017
27 gennaio 2017 Giorno della memoria
Cuore partigiano
Ricordo di Norma
----Anni precedenti ---
2016
2015
2014
2013
2012
LINK
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
ATTIVITA'
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
27 gennaio 2017, dal “Giorno della memoria” alla memoria di tutti i giorni.
    La, sezione ANPI Dino Moro di Portogruaro, con la collaborazione di diverse insegnanti dei Licei Scientifico e Classico, “25 aprile”, ha celebrato il Giorno della memoria 2017 insieme alle studentesse e agli studenti di alcune classi.
 Abbiamo ripercorso la genesi della fabbrica dello sterminio, abbiamo riconosciuto i suoi inquietanti e solerti costruttori.
Li abbiamo presentati, non attraverso l’eccezionalità dei grandi e noti gerarchi, quanto piuttosto nella normalità di alcuni operai del crimine. Ne ricorderemo uno che vale per tutti. Si tratta di un luminare, il professore universitario, Johann Kremer, ordinario di anatomia e genetica presso l’Università di Münster.
I suoi interessi “superiori” di studio lo portarono a far parte delle SS ad Auschwitz. Lì si potevano fare esperimenti su cavie umane. Era medico. Tra un esperimento e l’altro, veniva utilizzato per la “selezione”, cioè per decidere chi era abile al lavoro e chi era “abile”, per la camera gas.
Era abituato a tenere un diario e conservò questa buona abitudine nel campo.
Eccone un assaggio:
5 settembre 1942, ho tenuto una selezione sulle donne, il più terribile degli orrori (…) La sera intorno alle otto avremmo esaminato le donne dall’Olanda. Per il lavoro straordinario la truppa ottenne mezzo litro di grappa, cinque sigarette, 100 g di salame e il pane.
Oggi e domani, domenica!!!, si lavora.

La dinamica dell’orrore sta tutta nella normalità di quel: “Si lavora”. Kremer fu processato e condannato a morte, ma…, la condanna fu commutata in carcere a vita, ma…, nel 1958, era già libero, pronto a ritornare a essere un buon cittadino tedesco, normale, molto normale.
Per non cadere nella retorica e nella vuota ritualità abbiamo fatto appello all’esperienza spicciola, quella che ci fa sentire appartenenti alla medesima specie umana. Parlavamo ad adolescenti. Tra i molti modi di presentare lo sterminio abbiamo scelto, dunque, quello di farlo osservare attraverso l’esperienza concreta di alcuni personaggi meno noti, spesso uomini e donne che, al di fuori del campo, godevano di grande prestigio.
Questo per ricordare che situazioni eccezionali, quali la guerra e situazioni di isolamento dalla vita concreta, quali il campo, possono trasformare un dotto universitario in un mostro. Questo per ricordare, inoltre, che quelle situazioni eccezionali hanno fatto sì che Auschwitz fosse considerato, niente più nientemeno, che un laboratorio sperimentale, solo molto più grande, solo con un inesauribile numero di cavie.
Non riteniamo che attivare la memoria significhi semplicemente riandare a quell’oscuro e tragico passato. La memoria attiva, attraverso quella lente, ci rende possibile osservare quanto accade attorno a noi per sapervi riconoscere il pericolo dell’aberrazione all’interno dell’apparente normalità.
La memoria attiva ci mette al sicuro dall’indifferenza che ci impedisce di saper distinguere il bene dal male. È quell’indifferenza che ci può trasformare da cittadini consapevoli in complici. L’esempio di Kremer e di altri come lui ci sono serviti per individuare la necessità di una vigilanza continua su quanto ci circonda.
Durante le due ore dell’incontro l’ascolto, la partecipazione, l’attenzione delle studentesse e degli studenti sono stati straordinariamente intensi. Questo ci fa ben sperare, anche se viviamo in un tempo dove uno dei potenti della terra, assurto da poco alla presidenza degli Stati Uniti, sembra convinto che la sua responsabilità si esaurisca nel dare quotidianamente spettacolo di calpestare molte delle garanzie che abbiamo eretto contro la sopraffazione e l’odio.
Il professor Johan Kremer, appena 13 anni dopo la chiusura di Auschwitz era libero. Ad Auschwitz la tardiva lapide commemorativa chiude così: “Il mondo tacque.” È molto facile dire: “Mai più Auschwitz!” Chi non approverebbe? È molto meno facile riconoscere e stigmatizzare il male che ci circonda.
Ecco perché dal “Giorno della memoria” dobbiamo passare alla “Memoria di tutti i giorni”.

Grazia Liverani Presidente della Sezione Dino Moro ANPI di Portogruaro
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.