Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
8 marzo 2019
Angelina Merlin
 
COLLEGAMENTI
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Comunicazioni:
8 marzo 2019 dedicato alla partigiana Angelina Merlin
    Come presidente donna della sezione Dino Moro dell’ANPI di Portogruaro sento il dovere di ricordare a tutti gli iscritti, donne e uomini, che fu la Resistenza a conquistare per le donne, alle quali il fascismo aveva assegnato il ruolo gregario di fattrici e di massaie, il diritto alla dignità di cittadine partecipi al voto.
Grazie a quella rinnovata coscienza delle donne fu immaginabile la chiusura delle case chiuse, per opera di una donna, di una partigiana, della quale non si dirà mai sufficientemente: la tenacia, l’umanità, la grandezza.
Parliamo della senatrice Angelina Merlin, già membro dell’Assemblea Costituente.

Perché questo 8 marzo 2019 si deve dedicare alla memoria di Angelina Merlin?
Tra le armi di “distrazione di massa” del governo in carica, qualche giorno fa, è stata tirata fuori dal sacco l’idea di riaprire le case chiuse. È un’innovativa politica del lavoro rivolta alle donne che, in pubblico, chiamano “professioniste del sesso” e, fra di loro, semplicemente “puttane”.
Non a caso circola in rete uno sgrammaticato Manifesto della Lega di Crotone che scopre il “naturale” ruolo della donna a sostegno della famiglia, che indica alla riprovazione l’orrore dell’utero in affitto, mentre non degna di menzione il fatto che, in affitto, sia raccomandata la vagina.
La vocazione alla sopraffazione dei deboli, in primis delle donne, è appannaggio di tutti i regimi illiberali, primi i nazisti e, in Italia, i fascisti. Chi si esercita a giocare al lupo con gli agnelli, ieri intimidendo i migranti, oggi svilendo le donne a puro oggetto del desiderio maschile, non vuole essere chiamato fascista. Si chiami pure “pedalò”, se lo desidera, ma la sostanza non muta di un millimetro.
Le donne della Resistenza, le 21 donne della Costituente nelle cui orme ci sentiamo di dover camminare, non hanno certamente lottato perché le più deboli tra di loro e le meno consapevoli, finiscono nei postriboli. Su questo non c'è margine di trattativa.

Ora ci sia consentito guardare al di là delle anguste frontiere del nostro Paese. L’8 marzo 1019 sia l’occasione per le donne e i loro compagni di volgere uno sguardo dolente verso i 23 milioni di bambine che, sul pianeta, sono vendute a un solo cliente, un marito più vecchio di loro e che loro non hanno scelto. L’8 marzo da festa consumistica ritorni a essere una giornata di profonda riflessione.
C’è ancora bisogno di resistenza.

Il presidente Grazia Liverani      
 
--- 2019 ---
 
 
 
 
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.