Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
Aldo Camponogara
 
COLLEGAMENTI>
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Comunicazioni:
Aldo Camponogara! Per sempre presente nel cuore di Portogruaro .
 La scomparsa di Aldo Camponogara, vittima di un male tanto lento quanto inesorabile, colpisce al cuore la città di Portogruaro, dove era nato nel 1923, e unisce tutti i cittadini nel più sentito e sincero cordoglio.
Aldo fu partigiano, imprenditore, archeologo, uomo politico. Portogruarese, diplomato presso il Collegio Marconi, appena ventenne intraprese la lotta partigiana nella Brigata Osoppo con il nome di battaglia di “Lemene”, insieme a ragazzi che poi sarebbero divenuti politici di spicco come Dino Moro, Gianni Artico e tanti altri per i quali la scelta antifascista diventa impellente a partire dal 25 luglio 1943, con la caduta del fascismo, e poi nel tragico ed eroico periodo che va dal settembre 1943 all’aprile 1945, anche sulla scorta della formazione democratica acquisita dal sacerdote don Giuseppe Lozer, che fu loro insegnante al Collegio Marconi.
Nel dopoguerra, Aldo Camponogara militò in un primo tempo nel Movimento Popolare e si laureò in Giurisprudenza, per poi trasferirsi a Venezia e dedicarsi a problematiche socio-economiche e culturali tipiche della rinascita post-bellica.
Come imprenditore, sul finire degli Anni Cinquanta, fu abile nel gestire la BonGas, azienda di famiglia attiva tra Friuli e Veneto nel settore del metano per autotrasporti. D’altra parte, il talento politico, che lo aveva condotto ad assumere ruoli dirigenziali nel Partito Comunista, era destinato a prendere il sopravvento e Aldo svolse diversi ruoli come consigliere sia provinciale sia regionale, quindi comunale e infine come vicesindaco proprio nella “sua” Portogruaro.
Fu fondatore e presidente del CoVenOr, l’ente dedito allo smaltimento dei rifiuti e al controllo ambientale. Come consigliere della Cassa di Risparmio di Venezia favorì la creazione di Fondazioni come la Santo Stefano, la Portogruaro Campus e la Colluto, dall’inequivocabile impatto sulla cultura nel Mandamento. In tal senso, la sua figura fu, poi, decisiva nella costituzione del Gruppo Archeologico Veneto-Orientale.
La straordinaria rete di impegni affrontati da quest’uomo intelligente e combattivo fu sempre guidata dalla memoria dell’impegno partigiano, che lo indusse a ricoprire incarichi importanti, come quello di Tesoriere e di Primo Presidente, nell’A.N.P.I. di Portogruaro, l’Associazione Partigiana della quale egli stesso era stato fondatore con Dino Moro, ex partigiano “Fausto”, e con Imelde Rosa Pellegrini. Nel 2017, il duro colpo della perdita della moglie, Norma Cavazzini, anch’ella impegnata sul terreno socio-politico e culturale nel territorio veneto e friulano.
A pochi mesi di distanza, nello stesso anno, si spegne anche la figlia maggiore, Paola, avvocato di valore e molto amata a Portogruaro. Oggi, la notizia della morte di Aldo, che riempie di mestizia l’altra figlia, Fabia, tutti i congiunti e l’intera città del Lemene, che non a caso lo aveva insignito del Premio "Gervino", riservato ai suoi figli più generosi e valorosi.
Al tempo della resistenza partigiana risuonò cristallina la voce di Aldo Camponogara, una voce che parlava di giustizia sociale, di lavoro per tutti, di pane, di civiltà da creare a costo di sacrifici, soprattutto una voce che parlava di Libertà. Nessuno lo ha dimenticato. E di quella voce a Portogruaro risuona un’eco che diventa Storia. Chiunque ne potrà percepire il respiro e lo spessore. Per sempre.
Onore al Partigiano Aldo Camponogara!

Sergio Amurri, Vice-Presidente dell’ANPI di Portogruaro, Sezione “Dino Moro”

--- 2020 ---
 
 
 
 
 
&nbs A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.