Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
Commemorazione partigiani
 
COLLEGAMENTI
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Comunicazioni:
“Omaggio alla memoria partigiana dedicato ai giovani che non conoscono la Resistenza e vorrebbero conoscerla
Il primo impulso del libro è venuto dalla costatazione che le scritte su lapidi e monumenti alle quali si rende omaggio il 25 aprile di ogni anno a Portogruaro sono spesso consunte dal tempo e scarsamente significative per i giovani. Poiché la Resistenza è matrice della Costituzione e della democrazia, l'ANPI locale ha maturato il proposito di riproporne la memoria ai giovani e l'Amministrazione all'inizio del 2015 ha consentito, a tal fine, l'utilizzo degli archivi comunali.
Chi si è dedicato alla stesura dell'opera si è avvalso di fonti archivistiche varie: Archivio del Comune, archivio di Villa Martinelli, archivi diocesani e parrocchiali, archivio ANPI di Portogruaro, nonché delle opere di genere storico che il territorio ha prodotto nel corso degli anni. Il libro in questione ricostruisce la vicenda partigiana, avvalendosi anche dell'esperienza diretta dei protagonisti delle vicende narrate.
Il fenomeno resistenziale è stato collocato e ricostruito in un ambito storico complesso che, muovendo dalla prima emancipazione contadina e popolare dell'inizio del secolo ventesimo, approda al ventennio fascista e alla Resistenza che coinvolge non solo lo specifico locale, ma anche i territori contigui.
L'estensione del fenomeno in un territorio collocato tra l'est e l'ovest del confine orientale nel pieno della guerra fredda, complica la vicenda partigiana anche portogruarese, coinvolgendola nei nodi cruciali del conflitto: si ricordino la strage di Porzus, le lacerazioni profonde tra partigiani osovani e garibaldini, le responsabilità diverse, gli interessi politici contrapposti.
Anche le stragi che insanguinano il portogruarese , gli impiccati di Blessaglia e le nove vittime di Torlano, donne, vecchi e bambini arsi vivi in una stalla, ne vengono coinvolti, lacerando per decenni la memoria partigiana.
Il dopo guerra stenta ad elaborare i lutti e ad incamminare il paese nella ricostruzione e anche in questo ambito non mancano i riferimenti nell'opera. Il libro riporta in appendice i profili dei “padri fondatori” del movimento antifascista del Veneto orientale che vorremmo fossero conosciuti dai giovani in particolare, per aiutarli a costruire un futuro di giustizia e di pace.
 Imelde Rosa Pellegrini
Vedi bozza del libro
--- 2016 ---
 
 
 
 
 

 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.