Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Sezione Dino Moro Portogruaro
 
News
COMUNICAZIONI
Carlo Smuraglia
 
COLLEGAMENTI>
Atlante delle stragi nazifasciste
MEMORIE
Agosto 1944
NOTE
PUBBLICAZIONI

 
Comunicazioni:
ANPI
ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D'ITALIA
DOCUMENTO DEL COMITATO NAZIONALE SULLE VICENDE DELL’AFGHANISTAN
(Approvato all’unanimità)
   
    L’Unione Europea deve immediatamente reagire senza incertezze a questa situazione respingendo qualsiasi idea di Europa-fortezza o Stati nazionali-fortezze, mettendo finalmente e urgentemente a tema una politica di difesa e di sicurezza autonoma e comune che oggi non c’è. Difformemente da diverse dichiarazioni di personalità politiche e del mondo dell’industria che abbiamo letto in questi giorni, tale politica deve avere una natura rigorosamente difensiva, escludendo interventi militari come quelli avvenuti negli ultimi vent’anni, che dietro il pretesto della sicurezza nazionale o continentale o quello della difesa dei diritti umani, nascondevano volontà neocoloniali e imperialistiche. La stessa lotta al terrorismo ha bisogno di un coordinamento sempre maggiore e sempre più efficace fra tutti i Paesi UE, sapendo che una delle cause della virulenza terroristica negli ultimi vent’anni è stata determinata proprio da tali interventi militari, come in Iraq e in Libia.

Va inoltre aperta a livello europeo una riflessione sulla NATO e sulla sua esistenza, non solo perché sono venute meno le ragioni storiche del patto di difesa legato alla guerra fredda ed al contrasto col blocco dell’Est, ma anche perché la sua nuova funzione di appoggio a interventi cosiddetti umanitari, sempre manifestata nella forma di aggressione militare, si è dimostrata fallimentare come nel caso dell’Afghanistan o ha causato effetti catastrofici, come nel caso della Libia, Paese che si è di fatto dissolto come entità nazionale. A fronte della costituzione di una forza di difesa europea, potrebbero venir meno le già carenti ragioni di esistenza della NATO.

Ma è l’insieme della politica estera dell’UE che va rivista, privilegiando la cooperazione ed il confronto continuo, in una visione policentrica che, a maggior ragione nel tempo della globalizzazione, guardi al mondo non come un territorio da adeguare alla sua cultura, al suo sistema politico ed economico, ma come una grande occasione di relazioni economiche, commerciali, culturali, ideali, e mantenendo salda la radice antifascista della stessa unità europea che in qualche circostanza in questi ultimi anni è sembrata vacillare.

In sostanza l’Europa in politica estera e in politica di difesa e di sicurezza ha bisogno di una rivoluzione copernicana.

L’accoglienza dei migranti dall’Afghanistan, con una particolare attenzione alle donne ed alle loro famiglie, è un dovere civile e morale dei Paesi dell’Unione Europea, in particolare di tutti i Paesi che hanno partecipato alla campagna militare in Afghanistan. Occorre una regia ferma e rigorosa che distribuisca con equilibrio e responsabilità il flusso dei migranti contrastando senza quartiere bizantinismi, chiusure, provincialismi che già si stanno manifestando. Bene ha fatto il coordinamento donne nazionale ANPI a lanciare un appello per il sostegno e per l’accoglienza delle donne e più in generale di tutti i profughi afghani: “Di fronte a questa nuova, devastante emergenza umanitaria, è necessaria una mobilitazione urgente, anche di solidarietà materiale”.
... segue pag. 5 ...
--- 2021 ---
 
 
 
 
 
 
 

La sezione ANPI
"Dino Moro"
di Portogruaro
aderisce alla campagna "Anch'io mi vaccino".

Riconosciamo che il vaccino è uno strumento potente che permette di salvare vite e dare un contributo fondamentale alla sconfitta della pandemia.

Noi ci vacciniamo e invitiamo tutti a fare la stessa cosa: in questo modo ognuno può dare il proprio contributo al benessere di tutti.
 
 
 A.N.P.I.    SEZIONE  - DINO MORO -  PORTOGRUARO via Seminario 1/a  Portogruaro (Ve) - Tel.  0421 274252    -    v.n.